Terni; Covid-19, lo spirito umano verso la ricerca della verità. Giornata studio

Il Comitato spontaneo La gente come noi Terni e l’Associazione Trilly APS, hanno organizzato una giornata di studio sul tema:   “COVID-19: LO SPIRITO UMANO VERSO LA RICERCA DELLA VERITÀ”. 

(Simonetta Melinelli) NewTusciaUmbria – TERNI – Il Convegno tenuto sabato 28 maggio a Terni, presso l’hotel Classic Il Tulipano, e’ stato seguito da un vastissimo numero di presenti, soci dell’Associazione Trilly e non, ma comunque  interessati ad approfondire con esperti  vari aspetti, sia sanitari che legali, della gestione pandemica covid 19, in Italia e nel mondo.

Nel corso della mattinata si sono esaminati, con video, prove documentali e statistiche, i dati raccolti dagli esperti sulla sicurezza da contagio e trasmissione dei tre gruppi, vaccinati, guariti e infine coloro che si erano sottoposti a  tamponi rapidi antigenici.

Le tabelle mostrate hanno evidenziato con sorpresa   che,  delle tre categorie, solo coloro che si erano sottoposti a tamponi rapidi antigenici ,  ogni 24 ore, nonostante  i falsi positivi/negativi, errore  attenuato dalla frequenza dei tamponi effettuati, avevano offerto la  massima sicurezza ai propri compagni di lavoro e familiari,  di una bassissima possibilità di contagio e trasmissione del virus covid 19.

Pertanto l’obbligo vaccinale imposto alla popolazione italiana, sotto ricatto lavorativo e di cancellazione di ogni diritto costituzionale alla libera circolazione e accesso ad attività all’aperto e al chiuso,  con imposizione di un siero sperimentale con trials di soli due mesi, su un numero ristretto di soggetti,    non è   apparso da tali dati avere avuto alcun senso per la prevenzione del contagio e trasmissione.

Oltretutto  tenendo in considerazione che la sorveglianza attiva sancita dall’EMA, nel suo atto autorizzativo,  non è stata mai garantita e le segnalazioni di eventi avversi da parte dei medici e pazienti ristretta a soli 14 giorni, dall’inoculazione di ciascuna dose, benché sul bugiardino delle stesse case farmaceutiche fosse stato indicato che  non se ne conoscevano gli eventi avversi a medio e lungo termine.

Inoltre la prescrizione del medico curante era obbligatoria, secondo l’autorizzazione in emergenza dell’EMA, mentre la quasi totalita’ dei medici italiani non ha effettuato  prescrizioni per i vaccini anticovid, ne’ richiesto accertamenti preventivi o studiato interazioni con i farmaci e patologie pregresse e in corso dei propri pazienti e come tutto ciò si configuri come omissione di atti di ufficio, percio’ denunciabili da parte dei pazienti stessi.

In aggiunta a quanto sopra evidenziato, si e’ sottolineata l’assenza di una reale informativa, preventiva al consenso  sottoscritto,  ai cittadini sui possibili eventi avversi e della varia incidenza e conseguenze per fasce d’età rispetto al reale rischio di contagio e morte, estremamente basso al di sotto di una certa eta’,  questa informazione è mancata sia negli hub vaccinali che in altre sedi di inoculazione, sottacendo l’incidenza delle reazioni avverse, di cui a tutt’oggi non viene rivelata la reale entità, non avendo l’AIFA elaborato tutte le segnalazioni ricevute ne’ introdotte quindi nel sistema, benché sottostimate per l’ovvia refrattivita’ dei medici di base a segnalarle, nonostante milioni di persone siano state inoculate,  dietro pressioni enormi e senza reali garanzie.

Inoltre si e’ sottolineato, leggendo email ufficiali, che, benché gran parte delle dosi residue dei vaccini anticovid siano scadute, le cause farmaceutiche ne abbiano allungato la scadenza, anche se aggiungendo “sempre se correttamente sempre conservate tra i meno 90 e 60 gradi.

Inoltre è stato dichiarato dai produttori stessi, che comunque  dopo tre/quattro mesi la copertura svanisca, di cui non si conosce la reale percentuale di copertura, e che pertanto spingere anziani a vaccinarsi nel periodo estivo in cui il contagio e’ ai minimi storici, per ritrovarsi scoperti in autunno appare incomprensibile.

Inoltre sono stati presentati studi internazionali pubblicati sull’abbassamento delle difese immunitarie per effetto di tali varie inoculazioni con virus del 2020  non più in circolazione, ma che incentivano solo un maggiore contagio con nuove varianti del covid, addirittura del doppio rispetto a chi non vaccinato, e qualunque altra infezione e patologia, provocando l’insorgenza di malattie e patologie pregresse già guarite, nonche’ infiammazioni, specie se in ambienti inquinati.

Vari libri, scritti dagli esperti  sono stati presentati, invitando i presenti ad approfondire i dati e le tematiche trattati.

Commovente la testimonianza di una docente giovanissima, che a seguito del vaccino, ha subito danni al linguaggio, deambulazione e impossibilita’ a riposare, dovute ad una trombosi post vaccino all’ippotalamo, come evidenziato da esami strumentali e diagnosi specialistici, tali disturbi purtroppo persistono nonostante innumerevoli cure, percio’  ora si appresta a tentare ozonoterapia sistemica nel sangue, per tentare di ripulire il suo organismo, come consigliato dalla Dr.ssa De Mari.

Mentre nel frattempo ha ovviamente denunciato il suo medico di base che le ha fornito informazioni fuorvianti e non eseguendo un’anamnesi approfondita prevaccino, ne’ attuato il principio di precauzione, del giuramento di Ippocrate, che tutti i medici dovrebbero rispettare, essendo alla base della propria deontologia professionale.

Inoltre l’Associazione Thrilly ha anche denunciato l’Ordine dei Medici.

A seguire nel pomeriggio si e’ discusso, del libro di Luisella Scrosati ‘l’idolatria dei Vaccini”, ed altri in vendita presso librerie e durante giornata studio, che dibattono il pronunciamento della Congregazione della Fede Americana che si e’ dichiarata contraria ai vaccini contestandone l’illecito morale della produzione da linee cellulari da feti abortiti vivi per estrarle, cosiccome la Congregazione della Fede nel 2005 aveva fatto, ma che, poi subito dopo la Legge Lorenzin, ritratto’, e sull’inopportunita’  dell’intervento dell’attuale Papa e di vari esponenti della Chiesa Cattolica, per sostenere un piano di sperimentazione di massa con vaccini anticovid, frutto di una produzione da linee cellulari provenienti da feti  vivi, con parto autoindotto programmato da donatrici con genealogia controllata, per garantire che non siano presenti patologie geneticamente trasmissibili, percio’ a pagamento, tra le 6 e le 12 settimane, come sancito dai protocolli di produzione dei vaccini, per estrarne dai tessuti vivi  tali linee cellulari, usate in alcuni vaccini, sottacendo ai fedeli, ignari e ignoranti, una evidenza che gia’ era stata riconosciuta da Papa Paolo II, che nella sua Enciclica, ribadi’ la posizione della Congregazione della Fede del 2005, rispetto alle procedure immoralmente illecite di alcuni vaccini , cosiccome poi riaffermato da vari esponenti   del Vaticano, come Monsignore Viganò.

Pertanto e’ stato sottolineato come la Chiesa si debba opporre a questa  spregevole mercificazione della vita umana,  incoraggiando vie alternative per mantenere la salute fisica e spirituale dei fedeli, opponendosi in modo fermo alla produzione di vaccini che utilizzino linee cellulari da feti abortiti, dai cui tessuti, ancora vivi, derivino, poiche’ questo è inaccettabile per ogni credente

Infine si e’ ribadito che la Chiesa Cattolica dovrebbe invece richiedere ai propri fedeli una obiezione di coscienza rispetto ad ogni obbligo su tali tipi di vaccini. per  rispettare  la vita.

Si e’ sottolineato anche, come a tutt’oggi questa mancata netta opposizione della Chiesa, abbia allontanato molti credenti dalle sue istituzioni, avendo fatto dubitare molti sui motivi di tale presa di posizione, che sembrerebbe invece essere al servizio degli interessi dei banchieri e delle case farmaceutiche,  cosi’ da perdere credibilità e rispetto da parte di molti fedeli, poiche’ questo è inaccettabile per la religione cattolica,  dovendo essere sempre al servizio della verità e del bene spirituale, senza ricercare mai un arricchimento materiale ne’ intervenire sulle scelte di salute fisica e non spirituale dei suoi fedeli.

Ricordiamo solo la parabola in cui Gesù si scaglio’ contro i mercanti che fuori dalla Chiesa, vendevano mercanzie, ammonendoli  che “non si possono servire due padroni”, e cioe’ che la ricerca del denaro e l’amore per Dio,   sono  incompatibili.

Unico segnale positivo il dissenso espresso da qualche sacerdote e monsignore  che per questa sua opposizio ne e denuncia e’ stato emarginato dalla Chiesa.

La giornata studio e’ anche stata seguita da remoto, per l’elenco dei canali, sui quali è stata trasmessa, cosiccome per contatti dell’associazione Trilly, vedi  magazine “l’Arte del Comunicare” (www.lartedelcomunicare.it)

Seguiranno altre Giornate e Seminari di studio ed approfondimento.

Intanto l’associazione Thrilly resta a disposizione per assistenza medica e legale covid 19, reazioni avverse, obblighi imposti incostituzionalmente  e ricadute economico occupazionali di impoverimento e perdita del lavoro.

 

Ecco IL PROGRAMMA CON ELENCO DEGLI ESPERTI E TEMATICHE TRATTATE:

ORE 9,30:Inizio lavori

PAOLA PERSICHETTI, Presidente del Comitato spontaneo La gente come noi Terni e Associazione Trilly APS.

Saluti autorità

PANDEMIA: ASPETTI MEDICO SCIENTIFICI 10,00 Presentazione del libro F. Di Blasi (a cura di), PANDEMIA: INVITO AL CONFRONTO, Edizioni Phronesis, Palermo, 2022. Prefazioni di Dario Giacomini, Presidente dell’Associazione ContiamoCi! e di Roberto Perga, Presidente del Coordinamento 15 Ottobre. Contributi di: Paolo Bellavite, Marco Cosentino, Vincenzo Cuteri, Fulvio Di Blasi, Alberto Donzelli, Giovanni Frajese ed Eugenio Serravalle.

Interventi di:

– PAOLO BELLAVITE, Medico chirurgo, specialista in Ematologia Clinica e di Laboratorio, già professore di Patologia Generale presso l’Università di Verona

– MARCO COSENTINO, Ordinario di farmacologia nella Scuola di Medicina dell’Università dell’Insubria in Varese – FULVIO DI BLASI, Avv., Ph.D., già Research Associate del Jacques Maritain Center e Professore di Filosofia presso la University of Notre Dame (USA)

– ALBERTO DONZELLI, specialista in Igiene e Medicina preventiva e in Scienza dell’Alimentazione, già membro del Consiglio Superiore di Sanità. Presidente e Coordinatore Comitato scientifico della Fondazione Allineare Sanità e Salute.

– MASSIMO FORMICA, Neurologo, Psicoterapeuta e Docente di Fitoterapia e Nutrizione. Presidente della sezione della provincia di Terni dell’ISDE (International Scientific Doctors for Environment)

– GIOVANNI FRAJESE, Endocrinologo e Professore di Scienze Tecniche Mediche Applicate presso l’Università degli Studi di Roma “Foro Italico”

– DARIO GIACOMINI, Medico, Fondatore Associazione ContiamoCi!

– ROBERTO PERGA, Presidente del Coordinamento 15 Ottobre 12,30 Testimonianze di persone perseguitate e danneggiate

– PATRIZIA TIBERI, Medico di base – Insegnante danneggiata dal vaccino.

ore 13,00 Presentazione riviste Questioni di Bioetica e MedEthica Dedicate da quest’anno in modo particolare all’analisi e approfondimento scientifico interdisciplinare delle questioni sollevate dalla gestione della pandemia anche con riguardo alle ricadute sulla democrazia, sull’assetto costituzionale degli stati contemporanei, sull’ordine giuridico internazionale e sui diritti fondamentali della persona

Ore 13,30 Pranzo

DOTTRINA CATTOLICA E VACCINI ANTI SARS-COV 2

Ore 15,00

Fede, coscienza morale e scelta etica

FULVIO DI BLASI, Avv., Ph.D., già Research Associate del Jacques Maritain Center e Professore di Filosofia presso la University of Notre Dame (USA)

ore15,45

Il sentiero interrotto. Spunti per riprendere una riflessione etica sui vaccini LUISELLA SCROSATI, autore di Idolatria Dei Vaccini: Il Problema Morale Degli Esperimenti Sui Feti Abortiti, F&C, Verona, 2022 .

ore 16,30 Pausa

ore17,00

Presentazione del libro: F. Di Blasi, Vaccino come atto di amore? Epistemologia della scelta etica in tempi di pandemia, Edizioni Phronesis, Palermo, 2022 È presente l’autore

 

Intervengono:

– EMANUELA CIMIGNOLI, Allergologa, immunologa, medico di base

– BARBARA OSIMANI, Associato di Logica e Filosofia della Scienza presso l’Università Politecnica delle Marche

– LUISELLA SCROSATI, autore di Idolatria Dei Vaccini: Il Problema Morale Degli Esperimenti Sui Feti Abortiti, F&C, Verona, 2022

– PATRIZIA TIBERI, Medico di Base

 

 

Vediamo ora le finalità dell’Associazione Trilly.

 

Questa  Associazione ha lo scopo di convogliare le conoscenze dell’uomo, promuovere l’Unione e le sinergie fra le persone al fine di aumentare la consapevolezza sulla propria natura, offrendo prevalentemente a soci, familiari e conviventi ogni strumento materiale o immateriale, per il raggiungimento della libertà e della consapevolezza del proprio io.

 

Il focus delle attività proposte è la conoscenza di noi stessi e di tutto l’universo, nella consapevolezza che il pensiero del cuore è la fonte di tutto, con l’intento di comprendere sempre più chi siamo grazie al lavoro personale e di gruppo, contribuendo attivamente al cambiamento mondiale in atto. L’associazione non ha scopo di lucro e persegue finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento in via esclusiva o principale di una o più attività di interesse generale, avvalendosi in modo prevalente dell’attività di volontariato dei propri associati.

 

Essa ha per obiettivo:

1) assistenza a soggetti svantaggiati

2) assistenza sociale e socio-sanitaria

3) assistenza sanitaria

4) realizzazione dei progetti di formazione

5) beneficenza

6) assistenza all’infanzia abbandonata, orfana, portatrice di handicap

7) educazione, istruzione e formazione professionale

8) ricerca scientifica di particolare interesse sociale

9) l’associazione può esercitare a norma dell’articolo 6, del decreto legge 117/2017, attività diverse da quelle di interesse generale.

 

Per fare tutto ciò necessita del più vasto sostegno possibile da parte di chi ne condivida gli scopi associativi.

 

Si può contribuire facendo donazioni che andranno a sostenere iniziative concrete ed eventi come Convegno Formativo ed Informativo, svolto il 28 maggio u.s. a Terni. Si ringraziano  tutti coloro che vorranno far parte dell’associazione e tutti i  i soci che già ne fanno parte-

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *