Umbria grande protagonista dei VIM Spa Campionati Italiani di Endurance 2022 Open

NewTusciaUmbria – Perugia – L’Umbria trionfa ai VIM Spa Campionati Italiani di Endurance 2022 open che si sono svolti nella tenuta di San Rossore di Pisa  dal 2 al 5 giugno e il Fuxiateam di Italia Endurance Stables & Academy sale su ben sette podi e conquista sei medaglie d’oro: Costanza Laliscia, l’atleta più titolata dell’endurance italiano, è vicecampionessa italiana assoluta 2022 e il giorno successivo si è distinta in una seconda memorabile prova di “resistenza” che l’ha portata a un soffio dal podio sulla distanza dei 120 km, mentre sei delle sue allieve si laureano campionesse d’Italia nelle rispettive categorie.

Le neo campionesse 2022 cresciute ad Agello, nell’Italia Endurance Stables & Academy della presidente Simona Zucchetta, sono: per le categorie Under 14 Marie Panigoni su Ultra Cps, medaglia d’oro nella CEN B/R (84 Km), e Ludovica Cieri su Al  Sarfah Du Barthas, sul gradino più alto del podio della CEN A (40 Km). Per le categorie Pony si laureano campionesse italiane le giovanissime Alice Laurenzi nella categoria Pony Elite (8,4 km),  Giorgia Pecciarelli nella Pony A (4,2 km) e le sorelle Vittoria Monetti, campionessa nella categoria Pony B (5,6 km) e Costanza Monetti , vincitrice della Pony Avviamento (2,8 km). Ma salgono sul podio anche altre due giovani atlete del Fuxiateam: si aggiudicano infatti la medaglia di bronzo Matilde Cecchetti sulla Pony ELite e Matilde Paschalidis  sulla categoria Avviamento.

Le performance e i risultati ottenuti ci riempiono di orgoglio e soddisfazione. – dice la campionessa perugina Costanza Laliscia –  Abbiamo conquistato 6 titoli italiani su 12, salendo comunque su sette podi, ed io ho voluto mettermi alla prova partecipando a due gare impegnative come la CEI3* e la CEI2*,  per un totale di 280 chilometri percorsi, ovviamente con due cavalli diversi, a distanza di poche ore“.

Il 3 giugno Costanza si è aggiudicata la medaglia d’argento sui 160 km (CEI3*): una gara condotta in modo impeccabile in sella ad Emirat du Barthas che, a soli 8 anni e alla sua prima prova sui 160 km, ha completato il percorso in perfette condizioni alla media di 18,494 km/h, aggiudicandosi anche il premio Anica come miglior purosangue arabo della categoria. E il giorno successivo l’atleta più titolata del tricolore, con Assim Du Barthas, ha gareggiato anche sui 120 km, sfiorando addirittura il podio della CEI2* con un bellissimo quarto posto e il premio Best condition per Assim Du Barthas,  “fratello  pieno” di Emirat Du Barthas.

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.