“Ottaviano Nelli e il 400 a Gubbio. Oro e colore dell’Appennino”. La sfida vincente di Gubbio.

NewTusciaUmbria – GUBBIO – Si è recentemente conclusa la mostra “Ottaviano Nelli e il 400 a Gubbio. Oro e colore dell’Appennino”.

L’assessore alla Cultura della città eugubina, Giovanna Uccellani, ha orgogliosamente annunciato che più di 13 mila visitatori si sono recati nelle due sedi preposte per l’esposizione dedicata al pittore e miniatore umbro. Ben 9.039 le persone che hanno visitato la mostra a Palazzo dei Consoli, mentre 4.217 appassionati e curiosi hanno assistito all’esposizione presente a Palazzo Ducale

L’Assessore ha definito questa “Una scommessa vinta. Grazie ai curatori e a chi la lavorato per questo successo”. La grande soddisfazione dei rappresentanti del Comune eugubino è indubbiamente giustificata dagli ottimi risultati ottenuti grazie ad un grande sforzo organizzativo in considerazione al difficile periodo in cui l’allestimento ha avuto luogo. Altro dato molto incoraggiante è quello relativo al catalogo che ha accompagnato la mostra. Il volume dedicato all’artista di Gubbio, infatti, è attualmente tra i primi 40 libri d’arte più venduti in Italia.

L’iniziativa pensata per ricordare questa emerita personalità dell’alta Umbria ha ricevuto eccellenti riscontri persino in relazione alle numerosissime presenze di giovani studenti nelle sale espositive.

Da tutto il mondo sono giunti riconoscimenti in questi mesi, anche tramite entusiastiche recensioni da parte di prestigiose riviste di settore e da docenti universitari e responsabili di rinomati musei di oltreoceano. Sono assolutamente condivisibili, quindi, le parole piene di soddisfazione dell’Assessore Uccellani che riconosce l’enorme valore del lavoro di squadra svolto per il raggiungimento di questo fenomenale obiettivo: “Un successo davvero importante che ci riempie di orgoglio e soddisfazione. I numeri registrati dalla mostra e il grande successo anche da parte della critica, soprattutto grazie allo spessore e all’ottimo lavoro dei curatori Andrea De Marchi e Maria Rita Silvestrelli, premiano il coraggio che ha avuto l’amministrazione nel credere in questo  progetto malgrado il momento difficile legato all’emergenza pandemica. Voglio ringraziare davvero i curatori per il loro lavoro attento e puntuale, gli uffici che hanno lavorato al progetto, il Comune di Fabriano, Renato Maria Rogari che con il suo docufilm è riuscito davvero ad emozionarci e tutti coloro che hanno creduto con noi in questa scommessa così sfidante, che oggi mi sento di dire abbiamo vinto. A visitare la mostra sono state scolaresche da tutta Italia, segno che siamo riusciti anche nell’intento di rendere le opere del pittore tardo gotico eugubino fruibili e leggibili da tutti, inclusi i più piccoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *