Contact Tracing – nota stampa del consigliere Zuccherini e dei gruppi di centro-sinistra sulla discussione in commissione

NewTuscia Umbria – PERUGIA – “Oggi in commissione ci siamo trovati di nuovo a discutere con una maggioranza sorda e indifferente alle difficoltà che la popolazione regionale e comunale sta vivendo in questo estremo momento di emergenza. Eppure sono proprio loro al governo dell’Umbria e della città di Perugia – si apre così la nota del consigliere del PD Zuccherini e dei gruppi di centro sinistra Palazzo dei Priori- Se questo è l’atteggiamento che si pensa di tenere, le sottovalutazioni di oggi rischieremo di pagarle domani.”

L’atto presentato chiedeva all’Amministrazione di mettersi a disposizione dell’Azienda sanitaria locale per effettuare il tracciamento dei contatti dei positivi, servizio saltato nella nostra regione fin dall’inizio della seconda ondata di contagio. Insieme a ciò, si chiedeva alla Regione Umbria di rivedere alcune discutibili scelte, come quella di non eseguire i tamponi ai contatti asintomatici dei positivi. Il protocollo regionale è, in questo ambito, chiaro, ma per essere veramente efficiente necessita di un servizio di tracciamento capillare e puntuale. Se quindi non si riesce ad effettuare un tracciamento efficace, si deve puntare su uno screening diffuso della popolazione. 

Ci sono alcuni esempi in Italia sulle buone pratiche avviate in altri territori, come lo screening a tappeto effettuato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Una buona pratica che si potrebbe seguire anche in Umbria, in virtù dei contenuti numeri della popolazione residente. La chiusura e le posizioni della maggioranza a Perugia come in Umbria sono preoccupanti per il prossimo futuro della nostra comunità. E le sottovalutazioni di oggi rischiamo di pagarle ancor più caramente domani.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *