Gualdo Tadino illumina di Rosa la Rocca Flea a sostegno della lotta sul tumore al seno

NewTuscia Umbria – GUALDO TADINO – Il Comune di Gualdo Tadino aderisce alla campagna Nastro Rosa, su proposta di Anci, a sostegno della Campagna Nastro Rosa della Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro, illuminando di rosa la Rocca Flea, monumento simbolo della città, nella notte di giovedì 1 Ottobre. AIRC da 55 anni supporta la migliore ricerca scientifica in Italia per rendere il cancro una malattia sempre più curabile, e informa i cittadini dei progressi della ricerca e dell’importanza di adottare corretti stili di vita per ridurre il rischio di tumore.

Il mese di ottobre è dedicato in tutto il mondo alla prevenzione del tumore al seno. Il tumore al seno colpisce circa 53mila donne ogni anno, l’obiettivo di AIRC è di arrivare a curarle tutte. Negli ultimi anni la ricerca ha raggiunto traguardi fondamentali per la cura del tumore al seno, portando fino all’87% la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi. Resta però il problema delle forme più aggressive della malattia. Per questo AIRC – in occasione della campagna Nastro Rosa – invita tutti a non fermarsi, e a sostenere insieme il lavoro dei ricercatori per rendere il tumore al seno sempre più curabile.

”Abbiamo aderito con convinzione – ha spiegato il Sindaco Massimiliano Presciutti – alla campagna di sensibilizzazione AIRC, sostenuta da ANCI, rivolta a tutte le donne. L’ANCI ha chiesto a tutti i sindaci di sostenere questa iniziativa illuminando di rosa palazzi comunali o monumenti significativi della propria città e noi abbiamo scelto come nostro simbolo la Rocca Flea. Tutti noi, come cittadini, e ancor di più come amministratori, abbiamo il dovere morale e istituzionale di aderire e sostenere iniziative importanti come questa. Ogni città, nella notte del 1 Ottobre, illuminerà un monumento di rosa per sensibilizzare su questo tema. Un gesto che richiama indubbiamente attenzione e contribuisce alla promozione della cultura della prevenzione”.

Comune Gualdo Tadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *