Fossato di Vico; la GdF scopre 12 operai clandestini

sequestrati locali e denunciati i datori di lavoro

NewTusciaUmbria – FOSSATO DI VICO –Dopo aver svolto alcuni controlli sul territorio, per contrastare il lavoro sommerso e lo sfruttamento di manodopera, i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Gubbio, nei giorni scorsi, hanno effettuato un accesso presso i locali di una ditta individuale ubicata in una zona periferica del Comune di Fossato di Vico (Perugia), operante nel settore dell’assemblaggio di componenti elettrici, gestita da una coppia di coniugi di origini marocchine.
Già dalle preliminari analisi, erano emersi evidenti elementi di criticità fiscale, considerato che il soggetto economico risultava essere evasore totale e formalmente privo di lavoratori dipendenti, nonostante un volume d’affari dichiarato di circa 140 mila euro annui. I successivi servizi di osservazione e di appostamento avevano, invece, rivelato la presenza di maestranze
all’interno dei locali aziendali. Al momento dell’accesso, alle prime ore del giorno, i finanzieri hanno individuato, intenti a svolgere attività
lavorativa, 12 persone che, alla vista dei militari, hanno tentato di darsi alla fuga.
Tutti raggiunti, sono risultati sprovvisti di documenti attestanti la loro identità e la regolare presenza sul territorio nazionale.
Con l’ausilio di un interprete, gli stessi, originari del Marocco, hanno fornito elementi da cui sembrano emergere, allo stato, significativi indizi di una condizione di soggezione e di sfruttamento da parte dei datori di lavoro, i quali, a fronte di turni estenuanti (circa 13 ori al giorno), avrebbero corrisposto una paga giornaliera irrisoria (20/25 euro), approfittando del loro status di clandestinità.
Nel corso delle operazioni, condotte anche con l’ausilio di un’unità cinofila del Gruppo di Perugia, è stato inoltre ispezionato un capannone di piccole dimensioni, adiacente all’opificio principale, adibito a dormitorio, ma del tutto inidoneo al fine a cui era preposto.

L’ambiente versava, infatti, in precarie condizioni igienico-sanitarie, era privo di finestre e di impianti di riscaldamento ed aerazione, con materassi logori, alcuni dei quali posizionati direttamente sul pavimento, e materiale elettrico ammassato alla rinfusa.
Per tali ragioni, veniva immediatamente richiesto l’intervento del Servizio prevenzione, sicurezza ed igiene sul luogo di lavoro della ASL 1 di Perugia, per i rilievi e le contestazioni di competenza.
All’esito delle attività, la titolare della ditta è stata denunciata, in concorso con il coniuge, per il reato di
“intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro” (art. 603-bis del codice penale) nonché per aver dato lavoro a
soggetti clandestini (condotta prevista e punita dall’art. 22 del decreto legislativo n. 286/1998, cd. Testo Unico sull’Immigrazione) e per aver favorito l’immigrazione clandestina sul territorio nazionale (ai sensi dell’art. 12 dello stesso decreto legislativo).
I locali aziendali sono stati sottoposti, nell’immediato, a sequestro preventivo d’urgenza.
Il GIP presso il Tribunale di Perugia, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, ha successivamente convalidato il sequestro eseguito dalla polizia giudiziaria, ritenendo sussistenti il fumus dei reati contestati ed il periculum in mora richiesto ai fini del provvedimento invocato, “inerente a beni pertinenti ai reati (…) la cui libera disponibilità da parte degli (…) indagati potrebbe aggravarne o protrarne le conseguenze, permettendo ulteriore lesione di beni salvaguardati dal legislatore ovvero agevolare la commissione di altri reati”.

L’intervento delle Fiamme Gialle si inserisce nel più ampio contesto delle azioni poste in essere dalla Guardia di Finanza sull’intero territori o della provincia di Perugia, per contrastare chi impone condizioni di vita degradanti ai lavoratori – approfittando del loro stato di vulnerabilità e di bisogno – a tutela del mercato del lavoro, dell’ordine pubblico economico e delle regole della leale concorrenza tra le imprese che scelgono di operare nella legalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *