Terni; coppia di ternani traditi dalla carta fedeltà

NewTusciaUmbria – TERNI – L’Italia è tra i paesi con il maggior incremento percentuale di differenze inventariali sul fatturato, per un ammontare di 2,97 miliardi di euro di furti perpetrati ai danni di supermercati e grandi magazzini italiani. Per correre ai ripari, i supermercati più piccoli proteggono in vetrine chiuse i beni più preziosi e le grandi catene utilizzano barriere intelligenti a radiofrequenza, etichette antitaccheggio sottilissime, sempre più piccole e invisibili che possono essere inserite all’interno dei prodotti direttamente in fabbrica e molto difficili da manomettere, ma anche tramite videosorveglianza collegati a software di gestione degli allarmi e personale antitaccheggio.

Tuttavia, resta alta la commissione di furti i danni degli avventori da parte degli stessi clienti che approfittano della momentanea distrazione per sottrarre borse, portafogli e telefonini. La cliente impegnata a scegliere il prodotto dagli scaffali, spesso, senza rendersene conto, lascia incustodita la propria borsa che viene subito presa di mira dai ladri in azione. È possibile individuare più tipologie di ladri/taccheggiatori, che variano a seconda delle motivazioni e degli strumenti impiegati per compiere il furto. I professionisti sono soliti investire tempo e risorse per la sua pianificazione e spesso agiscono su commissione, i dilettanti/occasionali utilizzano metodi improvvisati e il compimento del furto è sporadico e non organizzato.

E proprio questa istintività ha portato una coppia di ternani a compiere un furto dimostratosi alquanto maldestro. I due soggetti, un uomo e una donna, giunti alla cassa si accorgevano che la cliente che li precedeva aveva dimenticato il proprio telefono cellulare accanto al POS e senza pensarci due volte lo coprivano con uno dei prodotti da loro acquistato, per poi nasconderlo repentinamente nella borsetta. La proprietaria del telefono, tornata pochi minuti dopo alla cassa, dove era convinta di avere lasciato il suo apparecchio scopriva l’avvenuto furto. Le indagini subito avviate dai militari della Stazione Carabinieri di Collescipoli, previa visione delle telecamere a circuito interno del supermercato, permettevano di notare che i due sprovveduti ladri, avevano mostrato la loro carta fedeltà alla cassa prima di pagare la spesa. Individuare l’intestatario della carta e è stato il passo successivo che ha permesso di scoprire le generalità della coppia.  I due venivano quindi denunciati per furto aggravato in concorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *