Salvaguardia e valorizzazione di Frigolandia

NewTuscia Umbria – PERUGIA – Depositato un ordine del giorno a firma della Capogruppo del Partito Democratico Sarah Bistocchi avente ad oggetto Interventi di salvaguardia e valorizzazione della realtà di Frigolandia, ospitando la stessa se necessario nelle strutture del Comune di Perugia.

Frigolandia, idealmente la terra della storica rivista Frigidaire, Repubblica della fantasia, Accademia delle invenzioni, Città immaginaria dellArte Maivista, una definizione data nel 1985 da Andrea Pazienza e Vincenzo Sparagna, è un polo culturale della creatività, un museo, una biblioteca e un archivio vastissimo che conserva, oltre a libri e riviste rare, circa 4000 opere dei maggiori autori italiani ed europei di satira, fumetto, illustrazione e arte degli ultimi decenni.

Nel 2005 è stata definita una convenzione tra il Comune di Giano dellUmbria e Soc. Frigolandia Srl, con lobiettivo di realizzare una città immaginaria dellarte e della creatività, in località Montecerreto, nel complesso turistico definito La Colonia.

A marzo 2020, in piena emergenza Covid, è stata emessa unordinanza di sgombero dal complesso di proprietà comunale da parte del Comune di Giano dellUmbria nei confronti della Soc. Frigolandia Srl, che ha così presentato ricorso al Tar, fornendo gli elementi a suo favore verso lordinanza emessa dal Comune di Giano.

Lordinanza di sgombero da parte dellAmministrazione comunale risulta tanto più intempestiva ed incomprensibile in quanto Frigolandia non riceve contributi pubblici e paga regolarmente il canone previsto dal contratto, oltre a svolgere unintensa e vivace attività artistica e culturale.

Con lordine del giorno si chiede al Sindaco Romizi in primis di intercedere presso la Regione Umbria affinchè si adoperi per la salvaguardia del patrimonio culturale di Frigolandia, rispettando lattuale definizione e ubicazione, anche attraverso il Ministero dei Beni Culturali. Inoltre, in alternativa e in seconda istanza, la Capogruppo dem del capoluogo umbro chiede di prendere in considerazione lipotesi di ospitare la realtà di Frigolandia nelle strutture del Comune di Perugia, per continuare a tutelare e valorizzare lenorme patrimonio artistico di una delle più originali esperienze artistiche e giornalistiche europee. 

 

Questo il testo integrale dellordine del giorno in oggetto:

 

Oggetto: Interventi di salvaguardia e valorizzazione della realtà di Frigolandia, ospitando la stessa se necessario nelle strutture del Comune di Perugia.

 

PREMESSO CHE:

  • Frigolandia, idealmente la terra della storica rivista Frigidaire, Repubblica della fantasia, Accademia delle invenzioni, Città immaginaria dellArte Maivista, una definizione data nel 1985 da Andrea Pazienza e Vincenzo Sparagna, è un polo culturale della creatività, un museo, una biblioteca e un archivio vastissimo che conserva, oltre a libri e riviste rare, circa 4000 opere dei maggiori autori italiani ed europei di satira, fumetto, illustrazione e arte degli ultimi decenni;
  • Nellanno 2005 è stata definita una convenzione tra il Comune di Giano dellUmbria e Soc. Frigolandia Srl, con lobiettivo di realizzare una città immaginaria dellarte e della creatività, in località Montecerreto, nel complesso turistico definito La Colonia;

 

PRESO ATTO CHE:

  • In data 11 marzo 2020, in piena emergenza Covid, è stata emessa unordinanza di sgombero da parte del Comune di Giano dellUmbria nei confronti della Soc. Frigolandia Srl dal complesso di proprietà comunale;
  • Successivamente allordinanza di sgombero da parte dellAmministrazione comunale, la Soc. Frigolandia Srl ha presentato ricorso al Tar, fornendo gli elementi a suo favore verso lordinanza emessa dal Comune di Giano;

 

VALUTATO CHE:

  • Lesperienza di Frigolandia, così come descritto ampiamente nel materiale presentato al Tribunale amministrativo regionale, ha direttamente e indirettamente valorizzato il territorio umbro, attraverso rassegne e mostre fino a tesi di laurea, pubblicazioni e attività di studio e archiviazione, nonché la custodia di importanti opere degli ultimi decenni di produzioni artistiche, diventando crocevia di dinamiche creative internazionali, attraverso articoli in Spagna, Inghilterra e Stati Uniti;
  • Inoltre, lordinanza di sgombero da parte dellAmministrazione comunale risulta tanto più intempestiva ed incomprensibile in quanto Frigolandia non riceve contributi pubblici e paga regolarmente il canone previsto dal contratto, oltre a svolgere unintensa e vivace attività artistica e culturale come sopra riportato;

 

CONSIDERATO CHE:

  • La promozione e valorizzazione del patrimonio artistico-culturale non risulta significativo al solo fine di creare le condizioni di emancipazione e consapevolezza nella formazione del singolo cittadino, ma costituisce anche un volano di sviluppo e di conoscenza del territorio stesso;
  • La Regione Umbria è sempre stata allavanguardia nella valorizzazione e salvaguardia del patrimonio artistico-culturale del suo territorio, nonché in diversi momenti della sua storia precorritrice di promozione artistica e culturale alternativa, dando conoscenza e diffusione della nostra terra con le sue eccellenze in tutto il mondo;

 

SI IMPEGNA il SINDACO e la GIUNTA:

  • Ad intercedere presso la Regione Umbria affinchè si adoperi per la salvaguardia del patrimonio culturale di Frigolandia, rispettando lattuale definizione e ubicazione, anche attraverso il Ministero dei Beni Culturali;
  • In alternativa e in seconda istanza, a prendere in considerazione lipotesi di ospitare la realtà di Frigolandia nelle strutture del Comune di Perugia, affinchè almeno il capoluogo umbro possa tutelarne e continuare a valorizzarne lenorme patrimonio artistico.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *