Riqualificazione del Ponte Montemolino a Todi

NewTusciaUmbria – Todi – Come si evince dal comunicato stampa del Sindaco di Todi Avv. Antonino Ruggiano, sembrano finalmente conclusi i problemi che affliggevano il Ponte Montemolino.

Il primo cittadino di Todi ha rilasciato oggi 12 gennaio le seguenti dichiarazioni: “Salutiamo con l’annuncio dell’Assessore Enrico Melasecche, in relazione alla prossima soluzione dei problemi del Ponte di Montemolino. In questi anni abbiamo assistito con grande preoccupazione all’evoluzione di una vicenda, che grandissima soddisfazione sembrava non trovare mai soluzione. La fruibilità del ponte di Montemolino rappresenta uno degli elementi centrali del nostro territorio. Di fatto, senza quella strategica infrastruttura, la praticabilità delle zone ad Ovest del Tevere è sostanzialmente preclusa, rendendo pressoché irraggiungibili i Comuni di Montecastello, Fratta Todina e San Venanzo.
Ieri, finalmente la svolta. La Regione Umbria si è impegnata in un progetto, che avrebbe il benestare della Soprintendenza, secondo il quale viene riproposta la sostituzione delle vecchie travature in acciaio, con delle nuove in acciaio Corten, aventi dimensioni uguali a quelle esistenti e limitando al minimo gli interventi sulle pile, in modo da ridurre a pochi mesi di tempo la chiusura del ponte durante i lavori. Il costo si aggirerebbe su circa 3-4 milioni di euro, molto meno di quanto precedentemente prospettato.
È una notizia che ci rassicura e ci rende più sereni, se solo si pensi che la scadenza della proroga per l’utilizzazione è al 2022. Adesso, è il momento di continuare a lavorare su questa strada. Non tutti i problemi sono risolti, ma, finalmente, si vede la luce in fondo al tunnel. A prescindere dalle posizioni politiche, abbiamo potuto apprezzare la concretezza di una gestione della Regione che ha dato un vero e proprio cambio di marcia.
Il merito, ovviamente, è della Presidente Tesei e dell’Assessore Melasecche e del loro modo di lavorare, operativo, pratico e concreto. In un mondo della pubblica amministrazione e della politica, in cui troppe persone ancora pensano di poter “menare il can per l’aia”, con il politichese e le vuote parole, quando ci si pone di fronte ai problemi con la reale volontà di superarli, si capisce la differenza che può fare un approccio con reale dedizione ed amore per il territorio. Nelle prossime settimane, ottenuta questa importante apertura, lavoreremo per la definitiva soluzione del problema “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *