Orvieto; La segreteria Fp Cgil denuncia situazione sempre più drammatica per il personale sanitario, trattato con indifferenza da Usl e Regione

NewTusciaUmbria – ORVIETO –  La segreteria Fp Cgil lamenta la situazione critica a cui è sottoposto il personale sanitario di Orvieto, nella più completa indifferenza della Usl e della Regione Umbria.

La segreteria ha diramato un comunicato in merito:

Dopo gli annunci e le promesse disattese, nel pieno della quarta ondata della pandemia Covid, ampiamente annunciata, Orvieto e il suo territorio si trovano in una situazione ancora più drammatica di quanto ci si potesse aspettare”.

A denunciarlo in una nota è la segreteria della Fp Cgil di Terni, insieme ai componenti della Rsu Fp Cgil dell’ospedale di Orvieto.
“È triste elencare di nuovo tutte le criticità del presidio ospedaliero – scrive il sindacato – la mancanza di un direttore sanitario stabile, che possa garantire un’organizzazione dell’ospedale, la carenza di organico, che manda in sofferenza tutti i servizi, dal Pronto Soccorso al laboratorio analisi, dalla Chirurgia alla Cardiologia, senza dimenticare la Dialisi, il Day Hospital oncologico, la Medicina e tutte le unità operative”. Una carenza che
sostiene la Fp Cgil – l’azienda ha anche provato a risanare, ma “troppo tardi in una situazione già troppo critica e con risorse non sufficienti”.
In questo quadro la Fp Cgil ricorda che da mesi gli infermieri del territorio devono garantire i servizi dei tamponi, dei vaccini per gli adulti e per i bambini, servizi considerati prioritari, che passano davanti all’assistenza domiciliare, che fatica a garantire tutte le
prestazioni a domicilio.
“Gli operatori sanitari sul territorio lavorano continuando a tirare una coperta troppo corta – insiste il sindacato – che lascia scoperte le persone più fragili. I servizi all’infanzia, quelli della riabilitazione e quelli per la salute mentale sono in sofferenza. Le attività mbulatoriali erano e rimangono assolutamente insufficienti, mentre le strutture private prosperano: i cittadini ormai sfiduciati si sono abituati a cercare soluzioni alternative tra privato e servizi
pubblici di altre regioni”.
Secondo la Fp Cgil la sanità pubblica orvietana è fatta ormai di professionisti “stanchi e delusi”, che hanno lavorato e lavorano con impegno e che “non meritano di essere trattati dall’azienda e dalla Regione con questo poco rispetto e con questa indifferenza”.
“Gli abitanti di Orvieto e dei comuni del suo territorio sono cittadini che reclamano il loro diritto fondamentale alla salute – conclude la Fp Cgil – Orvieto è ancora una volta un luogo troppo lontano, come se non interessasse realmente a nessuno. Continuiamo a chiedere una sincera e reale progettualità per il presidio ospedaliero e guardiamo con preoccupazione al destino del distretto sanitario che la Regione vuole
riorganizzare, accorpandolo a Terni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *