Comune Bastia Umbra: “Arrivano buone notizie dai lavori Pubblici”

“Arrivano buone notizie dai lavori Pubblici”, così l’Assessore  Stefano Santoni informa la cittadinanza sugli ultimi finanziamenti del Ministero dell’Interno per la messa in sicurezza

NewTuscia Umbria – BASTIA UMBRA – Sono stati recentemente assegnati contributi al Comune di Bastia Umbra per un totale di 1 milioni e 550.000 euro per l’anno 2021 spendibili nel 2022,  che si vanno ad aggiungere ai 950 mila euro già assegnati a febbraio.

Ancora una volta la dinamicità di questa amministrazione viene premiata con l’assegnazione di più finanziamenti  che ci consentiranno di mettere in campo lavori decisivi, improntati sulla sicurezza stradale e idrogeologica nonché sull’efficientamento energetico  e la messa in sicurezza delle scuole comunali, sottolineando la volontà e la capacità di risolvere alcune criticità che si protraggono da tempo. Nel dettaglio sono stati assegnati  finanziamenti per interventi infrastutturali e  la messa in sicurezza delle scuole, ovvero 100 mila  euro per la progettazione della messa in sicurezza della scuola dell’infanzia di Costano; 850 mila  euro per progettazione e intervento scuola dell’infanzia di Santa Lucia,  per quanto riguarda le strade comunali abbiamo ottenuto 600 mila euro per la manutenzione straordinaria della Via Romavecchia e  degli attraversamenti stradali sui torrenti Cagnola e Cagnoletta.
Questi contributi si vanno ad aggiungere a quelli già assegnati a febbraio, 350.000 per opere di difesa idraulica del Tescio e 600.000 per la manutenzione straordinaria Fosso cagnola 3′ e 4′ stralcio, inoltre con altri bandi sono stati ottenuti 600 mila euro per efficientamento della  scuola Don Bosco, altri per la pista ciclabile di Cipresso e la Palestra della scuola di XXV Aprile,

Alle dichiarazione dell’Assessore si aggiungono quelle del Sindaco Paola Lungarotti: “Altri interventi a quelli in atto e in progettazione. Possiamo dire che Bastia, pur nelle difficoltà oggettive, sta lavorando alacremente grazie anche al lavoro degli uffici che non hanno mai avuto sosta”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *